Domenica 11 ottobre è stata la giornata internazionale del Coming Out e in OMG Italia abbiamo deciso di distribuire internamente braccialetti arcobaleno per celebrarla.

Nonostante i passi avanti, a partire dai banchi di scuola la nostra è ancora una società prevalentemente omofoba, che può talvolta assumere contorni violenti. Da dove possiamo iniziare a fare del mondo un posto migliore in cui vivere? Dal linguaggio e dalla conoscenza. Attraverso la parola – poiesis, creazione – possiamo dunque determinare un mondo nuovo o distruggerne interi. Quindi, iniziamo da qui.

Sai cosa significa “Coming out”? È l’abbreviazione di Coming out of the closet (letteralmente, uscire dall’armadio), da non confondere con Outing, una rivelazione fatta da altri e che la persona subisce.

Il coming out è una scelta volontaria, è il momento in cui una persona decide di dire al mondo il proprio orientamento sessuale e/o identità di genere ad altre persone. Non è mai un evento singolo ma un processo che dura tutta la vita, ogni qualvolta si conosce una persona nuova o si entra in un nuovo contesto sociale. Ed è solo così che, spostando i confini, il mondo di chi fa coming out può diventare poco alla volta un poco più grande.

I coming out sono tutti diversi, perché sono diverse le persone che li fanno ma lo sono anche quelle che li ascoltano.